mercoledì 26 novembre 2008

Lo senti questo urlo?




Ora che t'ho sbattuto in faccia il mio rifiuto, la mia indifferenza...
adesso sì che posso urlare.
__

Non ho più quella fievole e delicata voce di una volta:
lei è forte, intensa, decisa come la mia anima.
__

Continui a pensare che io ci creda ancora,
ma a cosa dovrei credere? Vuoi farmi ridere?
__

Non sono una bambina sognatrice.
Non sei mai stato il principe azzurro dei miei sogni.
__

Io vivo di realtà, e se ancora non riesci a
capirlo è perchè non mi conosci per niente.
__

La burrasca delle mie parole ti ha travolto...
non fiatavi.
__
Mi stai portando ad essere aggressiva.
Io non sono più io quando parlo con te.
Che fine ho fatto?
__
Sapevo sarebbe successo:
ho dato sfogo a questo urlo liberatorio
e ho fatto bene.

8 commenti:

Follementepazza ha detto...

Brava....urlaglielo in faccia....molti hanno pure la presunzione di sentirsi più importanti di quello che sn..
A parte qst....Ti lascio un saluto:ciauuuu

Myriam ha detto...

;) Grazie, grazie ...che senso di soddisfazione stamattina che provavo...stavo proprio bene.
Un salutone!!

Memole ha detto...

Bravissima! Quando ce vo' ce vo'! ;)
Un abbraccio

Squilibrato ha detto...

Un urlo conta più di centinaia di parole.
Attenzione a chi ti porta a non essere più te stessa.

Silvia ha detto...

Io ho voglia di urlare, urlare, urlare ancora: fino a squarciarmi in due...

;-)

Myriam ha detto...

@ Memole
:)eh si... un abbraccio a te...

@ Squilibrato
già, un urlo può essere molto comunicativo. Starò attenta, nessuno avrà la capacità di cambiarmi.

@ Silvia
beh allora fallo! Ti sentirai meglio.. ;)

Discorius Minotaur ha detto...

l'urlo è l'equivalente umano dell'esplosione per l'energia, espandi il tuo io, la tua ira, espandi te stessa, soffoca chiunque cerchi di deviare le tue scelte....
chi lo fa solitamente si sente inferiore....



p.s.
grazie per il commento

Myriam ha detto...

@ Discorius Minotaur
l'urlo ha già avuto il suo svolgimento.Ora mi è rimasto un senso di soddisfazione mischiato con un pò d'amarezza. Grazie della visita.